Quindici semi

QUINDICI SEMI (ED ALTRETTANTE RADICI)

Installazione diffusa di semi linguaggio per un orto legato e lessicale, 2015.

Area quadrata ripartita 15 celle (più 1)

15 performers

225 semi di grano

Azioni simultanee di semina accompagnate da una lettura (casuale) di sequenze verbali in due lingue (italiano e francese, rispettivamente lingua materna e lingua paterna dell’artista); i frammenti letti rimandano ai punti per tracciare una mappa e insieme l’auspicio per germinare (o ri/nascere).

Ad ogni performer verrà affidata la semina di 15 grani e di un sentimento.

 

Questo lavoro mette in relazione due modalità: la pratica seriale (lo schema, la ripetizione, l’ordine progressivo degli elementi) e la pratica casuale (estrazione dei frammenti, il coinvolgimento di performers scelti a caso e a cui vengono fornite solo alcune istruzioni).

Questo lavoro contiene una simbologia nascosta (inscritta nel numero 15) e a suo modo è un rimando al “gioco del 15”, riordinare le tessere dopo averle “mescolate”.

 

ISTRUZIONI: “il sentimento è un’idea con radici”.“È importante che il cibo passi nel tuo pensiero e sentimento”.

I performers scelti tra i presenti si distribuiranno nell’area precedentemente allestita. Penseranno un sentimento (un segreto) da affidare alla terra poi semineranno 15 grani, ricopriranno con il terriccio e annaffieranno.

 

ANZIO/ Parco Archeologico.

Site specific project per ShingLe22j. Biennale di Arte Contemporanea di Anzio e Nettuno edizione 2015 sul tema del CIBO (sezione arte performativa a cura di Ugo Magnanti).

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s