Azimut

 

installazione, dimensioni variabili, 2013-2015

 

Azimut è un libro[stanza] di vetro. Una fonte luminosa illumina i vari strati (layer) che lo compongono. La progressiva visione attraverso gli strati è affidata all’occhio (e alla luce) che a sua volta proietta e sovrappone le pagine. Per mettere “in luce” la continuità esperienziale tra una e l’altra. Come in altri lavori, Azimut (termine astronomico che indica la “direzione”) cerca di indagare le aree di associazione tra ricordo e percezione, tra ricordo e pensiero, attraverso quella che si può definire esperienza emozionale, in questo caso generata da una sorta di lente multifocale.

L’opera complessiva consiste in vari libri variamente proiettati sulle pareti, i soffitti, i pavimenti, e in cui l’artista esplora con la voce le micro aree di senso (e nonsense) che si generano al passaggio/attraversamento verticale degli strati.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s